Draghi - Famiglie in difficoltà per aumento tassi



L’Adoc sottoscrive le preoccupazioni del Governatore della Banca d’Italia Draghi in merito alle sofferenze patite dalle famiglie italiane per l’acquisto di case e beni di consumo. "Apprezziamo la denuncia di Draghi – commenta il Presidente dell’Adoc Carlo Pileri - l’indebitamento delle famiglie italiane ha assunto un peso sempre maggiore e percentualmente sempre più diffuso. Tra mutui, carte di credito rateali, credito al consumo, fidi, prestiti, gli alti costi dei conti correnti, ad oggi due famiglie su tre sono in difficoltà.

Situazione preoccupante considerando anche il concomitante aumento del costo del denaro e la crescita esponenziale dell’inflazione reale."
L’Adoc sottolinea come uno dei problemi scatenanti sia la mancata applicazione della portabilità dei mutui. "Malgrado l’accordo con l’ABI – continua Pileri – non risulta ancora completa, nella maggior parte dei casi, l’applicazione della portabilità dei mutui, nonostante sia prevista dal decreto Bersani. Questo grazie alla strenua resistenza delle banche. L’aumento dei pignoramenti e l’espansione del credito al consumo sono segnali di un sistema che rischia seriamente di collassare, trascinando con sé migliaia di famiglie."

Fonte: Adoc (Novembre 2007)




Torna su