Mutuo prima casa


Autore: Giovanni Bruognolo | 08/02/2022 ore 14.40

Persi nella giungla dei mutui La casa è un bene primario per gli italiani, un obiettivo da raggiungere ad ogni costo. Spesso a prezzo di enormi sacrifici.

Quando si ha la necessità di richiedere un mutuo prima casa, ci si addentra in una giungla nella quale il povero risparmiatore si aggira con la stessa confidenza con cui si muoverebbe un cittadino nella foresta amazzonica. I tranelli e le insidie sono innumerevoli.

Termini tecnici come Tan, Taeg, Isc, Euribor, Spread lo stordiscono, facendolo piombare in un complesso di inferiorità dal quale si esce solo sfoderando un coraggio da leone.

Il povero contraente cerca di capire, di obiettare, ma poi alla fine appone la propria firma pur di acquistare la casa tanto desiderata.

Questa era la situazione in cui si trovavano molte persone qualche anno fa ma oggi, fortunatamente, si è molto più informati avendo a disposizione molte guide sull'argomento e la possibilità di comparazioni di prodotti finanziari in tempo reale.

Esistono comunque, molti potenziali richiedenti che non sono in grado di muoversi autonomamente per ottenere il mutuo adatto.

Come fare per risparmiare, o comunque per evitare tranelli e clausole incomprensibili?

Una buona possibilità è quella di avvalersi di una consulenza di un vero professionista del credito immobiliare: il mediatore creditizio.

Per maggiori dettagli rimandiamo il lettore alla precedente news: chiedere il mutuo con un mediatore creditizio

Archivio News Mutui



Commenta la news! - (0 commenti)






  

Privacy Policy
   


*Dato obbligatorio



Offerta Word


Torna su