Mutuo e variazioni euribor


Autore: Giovanni Bruognolo | 10/12/2021 ore 15.40

Mutuo e variazioni euribor Parlare di euribor vuol dire parlare di mutuo a "tasso variabile". In effetti, ad ogni variazione di questo parametro, anche la rata mensile che andremo a pagare sarà diversa.

Quando richiediamo un mutuo in banca una cosa molto importante da sapere è quale tasso d'interesse avrà il nostro mutuo e di conseguenza la sua rata mensile.

Ma da cosa è formato il tasso?

Se scegliamo un mutuo a "tasso fisso”, avremo il parametro eurirs + spread che formano questo tasso. La rata mensile non cambia poiché una volta inserito nel contratto di mutuo sarà uguale per tutta la durata dell'ammortamento.

Mentre se il mutuo è a "tasso variabile”, sarà composto da euribor + spread.

Ora, lo spread è il guadagno della banca ed è una quota fissa. L'euribor invece è un parametro che è diffuso giornalmente e che è appunto "variabile". Questa variazione incide sulla rata mensile e quindi la banca modificherà la rata in base alle sue oscillazioni.

In questi ultimi anni (dal 2016) il mutuo a tasso variabile è molto vantaggioso con l'euribor addirittura in negativo. Questo significa che se lo spread della banca è del 2% e l'euribor è -0,50% pagheremo un tasso d'interesse dell'1,50%.

Prima di andare in banca per richiedere un mutuo è possibile verificare l'andamento dell'euribor e quindi decidere quale tasso scegliere in base alle nostre preferenze o necessità.

Archivio News Mutui



Commenta la news! - (0 commenti)






  

Privacy Policy
   


*Dato obbligatorio




Torna su