Mutuo Giovani



All’inizio del 2005 la media nazionale dei proprietari di case ha ormai superato l’81%, mentre fra i giovani tra i 26 e i 35 anni, anche se occupati, e quindi economicamente indipendenti, la quota di chi vive in una casa di proprietà scende al 35,2%. L’insieme più rilevante dei proprietari è formata da giovani che vivono in coppia (oltre 1,8 milioni di individui), cui si aggiunge una quota significativa di single (321 mila); attraverso l’abitazione si sperimenta un progetto di vita in comune.

Al contrario, il fabbisogno abitativo di chi sta a cavallo dei trent’anni rappresenta circa il 65% di giovani che hanno risolto, pur attraverso forme flessibili, la prima fase di indipendenza personale attraverso il lavoro, e che ora, nonostante l’indipendenza economica, soffrono una carenza di autonomia non potendo contare su un’abitazione propria.

Questo segmento di potenziale domanda abitativa sfiora i 4 milioni di persone;
Dove si concentrano i potenziali giovani acquirenti? Prevalentemente nel nord-ovest (30,1% del totale) e, in particolare, in Lombardia (18,7%); ma anche al sud c’è una fetta consistente di fabbisogno abitativo (28,1%), non fosse altro perché in quest’area risiede la maggioranza dei giovani tra i 26 e 35 anni (35,8%).

I dati emergono da un dossier preparato dal Censis per conto della Banca di Roma che viene presentato oggi a Milano.
“I giovani rappresentano la fascia generazionale che domanda abitazioni in un mercato immobiliare che sta divenendo saturo”, ha dichiarato il direttore del Censis Giuseppe Roma, “bisogna aiutarli anche perché la stabilità abitativa può bilanciare le incertezze del lavoro flessibile”.

Consapevole della sempre maggior diffusione di nuove forme lavorative e delle difficoltà, di quanti le svolgono, di accedere ai servizi bancari – primo fra tutti i mutui per l’acquisto di una abitazione – Banca di Roma ha lanciato, lo scorso novembre, il Mutuo per i Giovani. Si è trattato di uno dei primi esempi in Italia di finanziamento per comprare casa, aperto esplicitamente anche ai lavoratori atipici tra i 18 e i 35 anni.

Delle domande di finanziamento pervenute, utilizzando il canale online, il 39% sono riferite al Nord, il 38% al Centro e il 23% al Sud. Il 22% delle richieste sono giunte da Roma, l’8% da Milano, il 3% da Torino e Napoli, il 2% da Palermo. Il 64% dei richiedenti sono uomini e il 36% donne.

L’interesse suscitato dall’iniziativa, così come la ricerca Censis, hanno evidenziato come il fenomeno dell’atipico sia una realtà duratura e non effimera nel mondo del lavoro, convincendo Banca di Roma ad inserire in modo permanente il Mutuo per i giovani nel proprio catalogo prodotti. (20/03/2005)

Fonte: Censis




Torna su