Casa: Imposte certe, tariffe notarili dubbie...



Come mai esiste tanta confusione quando si parla di costi o tariffe notarili?
Eppure, per il versamento delle imposte al fisco, esiste chiarezza;
si versa il 3% calcolato sul "valore catastale" se si acquista con le agevolazioni "prima casa" e le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa (Euro 168,00 x 2).

La stessa cosa non avviene per le parcelle notarili;
chiediamoci:

- Dove trovo una tabella per calcolare la parcella del notaio?
- Su quale importo calcolo lo **sconto del 20% stabilito con la finanziaria 2006?

I notai obietteranno: basta recarsi presso un qualsiasi studio notarile per avere un preventivo dettagliato dopo aver fornito tutta la documentazione.

Ma perchè non rendere pubblica una tabella sulla quale calcolare i costi comodamente da casa?
È vero, ci sono atti che richiedono più lavoro di altri, (maggiori visure ipotecarie catastali ecc.) ma è anche vero che si potrebbe stabilire una tabella di atti di "media difficoltà" per avere almeno una base sulla quale fare un calcolo dei costi.

Visto che si parla di cifre importanti occorrerebbe, secondo noi, maggior trasparenza da parte dei notai per consentire a chi acquista di decidere a quale studio notarile affidare l'incarico per la stipula del rogito.

- Calcolo dei costi notarili offerto da MigliorMutuo

**lo sconto (teorico) del 20% dei costi notarili è stato introdotto per abbattere l'effetto che l'indicazione del reale prezzo pagato dell'immobile produce sula parcella del professionista: gli onorari notarili sono, infatti, calcolati sul prezzo realmente pagato al venditore e non sul valore catastale.

Archivio News Mutui




Torna su